Bodhi Linux Italia

La distribuzione venne creata da Hoogland nel 2011 e si basava su Enlightenment nella versione E17, successivamente gli sviluppatori crearono Moksha, un nuovo gestore delle finestre poiché delusi dagli sviluppi del precedente gestore, implementato a partire dalla versione 3.1 del sistema operativo.[1]

Nel giugno del 2019 la guida dello sviluppo è passata a Robert “ylee” Wiley, già membro della community nonché sviluppatore di Bodhi sin dallo sviluppo del ramo 1.x.

La filosofia della distribuzione è di poter fornire un sistema operativo minimale, in modo che gli utenti possano completarlo scegliendo quali applicazioni installare, ma anche con un certo periodo di supporto: Bodhi, infatti, si basa sulle versioni LTS (Long Term Support) di Ubuntu, anche se non è tuttavia presente uno strumento per l’avanzamento automatico di versione. Si presenta come una distribuzione molto leggera, quindi particolarmente adatta per l’uso su computer datati o comunque poco performanti. L’uso di Moksha, ambiente grafico derivato da Enlightenment, presenta un aspetto moderno senza ricorrere ad elevate risorse hardware.

Tratto da Wikipedia